Loading...
Dove siamo 2018-03-08T12:18:12+00:00

Al confine tra Umbria e Marche

Costacciaro, antico castello (Castrum Costacciarii) a ridosso del massiccio del Monte Cucco, lungo la consolare Via Flaminia, fu acquistato, intorno alla metà del XIII secolo, dal libero comune di Gubbio che lo ampliò e ne potenziò la struttura difensiva, con la costruzione di una cinta muraria e di un sistema di torri e porte, ancora in parte esistente.

Il castello di Costacciaro aveva importanza strategica, in quanto segnava il confine orientale del comitato eugubino e, quando Gubbio, con tutto il suo territorio, nel 1384 si assoggettò spontaneamente ai Montefeltro, Costacciaro divenne l’estremo baluardo meridionale del Ducato di Urbino.

Il Duca Federico da Montefeltro si preoccupò di potenziare ulteriormente le difese del castello con la costruzione del rivellino a difesa del lato sud e di garantirne l’approvvigionamento idrico a mezzo di nuovi condotti di adduzione e di fonti. Costacciaro è sempre stato legato a Gubbio ed ancora oggi il suo territorio comunale è parte della Diocesi e del di Gubbio.

Monumenti ed avventura

La chiesa di San Francesco (costruita verso la metà del XIII secolo ed ampliata all’inizio del 1700) mostra una facciata romanica, realizzata in pietra calcarea del Monte Cucco, e presenta un pregevole portale ed un altrettanto prezioso rosone; oltre a bellissimi altari lignei impreziositi da dipinti; nella chiesa, in cima alla navata destra, sono conservate le spoglie mortali del Beato Tommaso, monaco camaldolese (1262 – 1337), cittadino e patrono di Costacciaro;

La torre civica, con la porta di ingresso al paese, anch’essa costruita intorno alla metà del XIII secolo, perfettamente conservata;

Il rivellino (o, popolarmente, “Trióne”), formidabile bastione difensivo dalla singolare forma a prua di nave, progettato e realizzato, alla fine del XV secolo, su incarico del Duca di Urbino Federico da Montefeltro, dal noto architetto militare Francesco di Giorgio Martini da Siena, al quale si debbono le rocche di Mondavio, Sassocorvaro, San Leo ed altre importanti opere architettoniche;

L’antico frantoio dell’olio (probabilmente del secolo XVII), oggi di proprietà comunale. Perfettamente conservato, ha funzionato fino al 1960 circa. E’ costituito da una macina per la pigiatura e la spremitura delle olive, rappresentata da una poderosa trave di legno, alla quale è ancorato un enorme contrappeso di pietra (leva di 2° genere).

Il territorio comunale di Costacciaro è ricco anche di bellezze naturali e ricade nell’area naturale protetta “Parco del Monte Cucco“, istituita nel 1995 dalla Regione Umbria. Le emergenze naturalistiche sono costituite dall’immenso sistema di grotte che si apre nelle viscere del Monte Cucco (fenomeno di carsismo profondo), dalle faggete, dalle forre, dai prati, dalle sorgenti in quota (Fonte dell’Acqua Ghiacciata, ecc.). Da visitare assolutamente è la famosa Grotta di Monte Cucco.

E’ attivo a Costacciaro un interessante museo delle aree carsiche del Parco di Monte Cucco, costituito da un iter espositivo, da postazioni multimediali interattive per un viaggio virtuale nelle grotte e da un sistema video di immagini del territorio del Parco.

Per maggiori informazioni

Info Point Grotta – Via Valentini, 31 (angolo Corso Mazzini)
Tel/Fax +39 075 9171046 cell. +39 329 3815580
info@grottamontecucco.umbria.it

Come raggiungerci

in auto:

  • Autostrada Adriatica A 14, (per chi proviene da nord) uscita Fano e si prosegue per (Gubbio) Costacciaro.
  • Autostrada Adriatica A 14, (per chi proviene da sud) uscita ad Ancona nord e si prosegue per (Jesi, Fabriano) Costacciaro.
  • Autostrada del sole A 1, (per chi proviene da sud) uscita a Orte in direzione e si prosegue per (Perugia-Gubbio) Costacciaro.
  • Autostrada del sole A 1, (per chi proviene da nord) uscita ad Arezzo e si prosegue per (Gubbio) Costacciaro
  • Superstrada E 45 da Cesena, uscita Gubbio-Umbertide e Bosco-Gubbio e si prosegue per (Gubbio) Costacciaro.
  • SS. Val D’esino da Ancona, indicazioni per Roma-Gubbio-Costacciaro

in treno:

  • Linea Roma-Ancona, Stazione di Fossato di Vico-Gubbio, Km. 10 servizio bus e taxi.
  • Linea Firenze-Terontola-Perugia, Stazione di Perugia/Fontivegge collegata con servizio bus (Km. 40 da Gubbio) e 60 Km. da Costacciaro.

in aereo:

  • Aereoporto Internazionale Roma Fiumicino
  • Aereoporto Regionale Perugia S. Egidio